Cliccare sopra le copertine, per essere reindirizzato allo store Amazon . Al momento, per l'opera Mastro balestriere è solo disponibile il formato e-book.

copertina-sfida-alla_-divinità.jpg

La sfida alla divinità narra delle gesta del generale Ildesus, e la sua empia impresa di sfidare men che meno che un dio, il Deos Tunes, il dio della folgore...spingendo la sua armata verso un inferno, fatto di vento e fulmini, in una impresa ai limiti dell'impossibile, ma con una ambita ricompensa, in caso di vittoria. Un'arma della potenza indecifrabile, si narra che fosse capace di far cambiare il corso di una guerra, di piegare nazione, un potere che superava quello dello stesso imperatore.

Pelo Ispido è una creatura nata dalla follia di un negromante; un ragazzino zombi con una schiera di cani non-morti e scheletrici al seguito, in un branco in continua crescita. Un generale, privo di ogni remora morale, se ne servirà nella conquista della Lang.Ma sia il mago oscuro Ruberix che l’ufficiale imperiale, dovranno fare i conti con i ricordi e i sentimenti che prepotentemente riaffiorano nella mente del giovane non-morto. E ben presto il loro maggior mezzo di conquista, potrebbe ribaltare la storia che sembrava già scritta di quelle terre.

51BP3rbyDJL.jpg
514vuwDSyRL.jpg

Dare la morte prima di riceverla non era solo una banalità connaturata in ogni battaglia: per i mastri balestrieri, si trattava di un vero proprio stile di combattimento. Scoccare il dardo della propria armatura balestra, prima che l’avversario cali la spada, era a dir poco fondamentale, non possedendo nessuna daga per intercettare le lame dell’avversario, o scudo per frenare i colpi nemici. Per loro non vi era nessuna difesa, se non l’attacco.Tulke, nonostante si considerasse uno dei migliori di questa categoria di soldati -e forse lo era anche- a causa di un ridimensionamento delle truppe, fu tagliato fuori dall'esercito. E ora, insieme ad altri cavalieri di ventura ed un mago, lavora per conto dell’Impero come mercenario in una delle più sperdute isole degli arcipelaghi, a difesa dalla Rocca dalle incursioni di strani umanoidi simili a crostacei, venuti direttamente dagli abissi marini. Ma presto l’assortito manipolo scoprirà che li attende una minaccia ben maggiore, di qualche stupida creatura dalle sembianze d’aragosta, nascosta nella profondità degli oceani.

© 2023 by ​BUSINESS​ CONSULTING.  Proudly created with Wix.com